Gatti di Linosa

I gatti domestici sono stati introdotti nell’isola di Linosa con l’arrivo dei primi coloni, probabilmente per controllare topi e ratti. Purtroppo, i gatti rappresentano una minaccia per tutte le isole che ospitano uccelli marini poiché́ predano pulcini e adulti. La nostra associazione si occupa dello studio dei gatti linosani fin dal 2014, quando abbiamo censito 299 gatti sull’isola e riscontrato che la dieta di alcuni gatti che si aggiravano nella parte di colonia di berte da noi monitorata, includeva berte adulte e in diverse occasioni sono stati riscontrati eventi di predazione di pulcini. Nella loro dieta erano presenti anche numerose specie di uccelli migratori e numerosi eventi di predazione su di essi vengono segnalati ogni anno dai birdwatchers (MISC). I gatti dell’isola predano anche la lucertola endemica linosana e il grillo testa grossa.  

 

A Linosa, i gatti vengono prevalentemente lasciati liberi di scorrazzare e mentre alcuni sono accuditi come animali da compagnia, altri vivono in numerose colonie. In queste colonie i gatti vengono spesso sfamati con pasta ed avanzi, visto l’elevato costo che deriverebbe dal comprare crocchette e scatolette, però i gatti sono carnivori obbligati ed è noto che scarsa quantità̀ e qualità̀ di cibo aumentano l’attività̀ predatoria. Inoltre, vivendo ad alte densità la salute dei gatti stessi spesso risulta compromessa. 

Per riportare il numero dei gatti ad un livello più̀ facilmente gestibile, aumentare il loro benessere e ridurre la predazione sugli uccelli, nel 2015 abbiamo iniziato dei cicli di sterilizzazione in collaborazione con l’Azienda Sanitaria Provinciale (ASP) di Palermo, in quanto a Linosa non c’è un veterinario. Con loro sono stati sterilizzati 157 gatti, mediante un approccio Trap-Neuter-Return (TNR-cattura, sterilizzazione e rilascio). Sfortunatamente, dipendendo dalla disponibilità dei veterinari dell’ASP, le sterilizzazioni sono state svolte senza regolarità e senza una pianificazione che tenesse in considerazione i periodi riproduttivi dei gatti, risultando in un aumento dei gatti, ben 372 a marzo 2021. Fino a quando nel novembre 2021 la nostra associazione ha iniziato a collaborare con il Dr Paolo Santanera, veterinario di Torino, il quale ha sterilizzato 44 gatti in pochissimi giorni e che con estrema professionalità ha anche guadagnato la stima e la fiducia dei proprietari di gatti e dei referenti delle colonie. In più, lo scorso febbraio, ha preso parte al progetto anche la giornalista Silvia Amodio, grazie alla quale la nostra associazione ha ottenuto un contributo da Action Project Animal (APA: www.actionprojectanimal.org), risultato di un’attività charity di COOP Lombardia. Questo sostegno ci consentirà di portare avanti le sterilizzazioni nei mesi di febbraio e ottobre (periodi antecedenti al calore dei gatti), visite veterinarie e attività di sensibilizzazione della popolazione locale nei confronti del benessere degli animali sia domestici che selvatici, per i prossimi due anni.  Questo ha già consentito alla nostra associazione insieme a Paolo di sterilizzare 61 gatti, visitarne 12 che presentavano problemi di salute e operare 3 cani.  Tra le idee future, la creazione un piccolo ambulatorio veterinario attrezzato a Linosa. 

 

Referente progetto: Martina Cecchetti